Google e le rendite da ricerca su dispositivi mobili

Google crescita search mobile

«The key highlight this quarter was the substantial growth of our mobile search revenue». Lo ha detto Ruth Porat presentando i risultati di Alphabet, la (nuova) compagnia “padre” di Google, relativamente al terzo trimestre 2015.

Che cosa significa questo, e perché dovrebbe interessare tutti – ma anche i giornalisti?

Significa che Google ha ancora come obiettivo principale quello di migliorare il motore di ricerca per offrire a chi naviga un’esperienza di ricerca soddisfacente (per crescere ancora e per far crescere ancora i ricavi derivanti dalle ricerche su dispositivi mobili).

Dovrebbe interessarci perché conferma che Google ha fra i propri interessi quel dovere di offrire a chi lo utilizza come motore di ricerca risultati pertinenti.

Dovrebbe interessarci come giornalisti perché significa che la SEO non è morta (non è nemmeno agonizzante, per capirci: è in ottima salute). E bisogna conoscerla.

Autore: Alberto Puliafito

Alberto Puliafito è fondatore di iK Produzioni e direttore responsabile di Slow News. Ecco il suo profilo su Google+.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *