Filter Bubble: una postilla

Quel che ho scritto sulla filter bubble sociale necessita di una postilla divisa in punti.

Primo: quanto più è grossa la tua filter bubble (ad esempio, se leggi tante fonti diverse di aree politiche diverse), tanto più desideri ardentemente ridurla
Secondo: quanto più hai gli strumenti per uscire dalla tua filter bubble, tanto più impari ad apprezzarla
Terzo: se sai cos’è una filter bubble, vorrai uscirne e rientrarci a piacimento e scoprirai come farlo
Quarto: la filter bubble esiste da quando sei nato, anche prima che ci fossero google e i social network (la tua famiglia, il giornale che comprava tuo nonno, la squadra di calcio che tifava tuo padre, la musica che ascoltava tua madre e via dicendo)
Quinto: gli strumenti per uscire dalla filter bubble esistono, e fanno parte della filter bubble di chi vuole uscirne
Sesto: anche a me non piacciono i monopòli, ma il lavoro del SEO consiste anche nello sfruttare il monopolio di Google a proprio vantaggio, con buona pace delle filter bubble

Filter Bubble 2

About Alberto Puliafito
Alberto Puliafito è fondatore di iK Produzioni e direttore responsabile di Slow News. Ecco il suo profilo su Google+.

1 Comment

  1. simone righini27/08/2014 at 8:42 pm

    oserei aggiungere che per uscire dalla propria bolla a volte basta una sufficiente dose di coraggio e voglia di provare cose nuove 🙂 Il problema è quando un intero mercato sta dentro alla bolla, a quel punto uscirne significa affacciarsi su un angolo di deserto, o meglio posti dove gira poco denaro e dove le regole del gioco sono diverse. a quel punto, che si fa? si torna dentro?

    Rispondi

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.