Il 17 aprile 2016 è stata una brutta giornata per il giornalismo e per la politica. L’ennesima brutta giornata di una sequenza infinita, in una spirale autodistruttiva che sembra non avere fine. È una brutta giornata per il bullismo ideologico del #ciaone e di quelli che perculano un referendum. E…

13 aprile 2016, a Palermo – che non ho mai visto e continuo a non vedere, se non per pochi minuti e di passaggio – e poi a Trapani porto un po’ degli argomenti che racconto di solito in altre zone d’Italia, molto più a nord. Lo faccio per l’Ordine dei…

Con Rob Orchard (Delayed Gratification), Peter Laufer (School of Journalism and Communication, University of Oregon e Antonio Talia (Inform-ant), il 9 aprile 2016 a Perugia, all’International Journalism Festival 2016, si parla di rivoluzione lenta. Di informarsi con lentezza. Della necessità di fare pulizia nel magma delle news, di rallentare, di…

Alle 23.57 del 18 marzo 2016 ho effettuato un redirect 301 di massa delle pagine post di questo sito, per liberarmi di un retaggio che derivava da una scelta fatta velocemente al momento della creazione del medesimo. Quando avevo pensato di cominciare a scribacchiare di nuovo su un sito/blog personale…

Algoritmo Instagram – La legge dell’algoritmo arriva anche in casa del social dedicato alle foto (acquisito da Facebook a settembre del 2012 per la ragguardevole cifra di 741 milioni di dollari): Instagram non sarà più in ordine cronologico. L’annuncio è su un post del blog di Instagram. Questo accadrà con buona…

Non è detto che la scelta di nicchia sia sempre la migliore possibile. Dipende dal modello scelto, dal pubblico, dai costi sostenuti, dalle aspettative. Insomma, da troppe cose. Da queste parti avevo elogiato il Boston Globe, che aveva tentato la strada delle verticalità. Ora, purtroppo, il magazine online dedicato alla…

Facebook Sport Stadium è la dimostrazione – ulteriore – che Facebook sta costruendo il suo campo da gioco. Lo sta facendo lavorando ai fianchi il mondo online con le acquisizioni, con una guardia sempre più stretta fatta di cambi di algoritmo del news feed ma con una serie di montanti…

L’editoriale di Maurizio Molinari, nuovo direttore de La Stampa, appre prima sul web in video e poi sul cartaceo, perché ieri i cartacei non uscivano. Non entro nel merito dei contenuti, diciamo così, “politici”, anche se rilevo che i temi cambiamento-sicurezza-opportunità-rischi scivolano agevolmente su altre questioni che mi piacerebbe vedere…

Mi sembra interessante dare ai lettori di questo sito una panoramica sulle “cose” più lette, mostrando numeri veri (tutte le immagini si ingrandiscono cliccando). Il pezzo che di gran lunga viene più cliccato è quello dedicato a Lucky, il border collie di famiglia: 14.434 accessi, 6’53” di tempo medio di…

La carta non morirà

«Did you really expect to be reading on paper 10 years after Amazon’s Kindle launched?»James Chmbers, «The book fights back», The Forecast, 2016 I vecchi media non moriranno: al limite troveranno le loro nicchie di riferimento. Dovresti diffidare, dunque, di chi si lancia in profezie astruse (vedi la morte del…

Newsletter a pagamento – Come saprete, da queste parti e con vari colleghi, sono state lanciate, nell’ultimo anno, due newsletter a pagamento. Una si chiama Slow News, va avanti da undici mesi, veleggia con solida lentezza verso i 200 abbonati, è una newsletter di curatela editoriale, è un lavoro residuale ma…